Menu

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

occfiber

SERIE OPTICAL CABLE
occfiber

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Fibre Ottiche Serie Standard
Cavi Duplex

 

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Ideale per bretelle e collegamenti in armadi, costituite da fibre di 125µm, un rivestimento primario di 250µm, un rivestimento secondario colorato di 900µm, avvolte da copertura di kevlar come scarico trazione da fissare al connettore. Copertura con guaina LSZH.

Cavi di tipo Tight

 

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Questi cavi sono composti solitamente da 4 a 12 fibre, ogni fibra ha un rivestimento primario di 250µm e uno secondario colorato di 900µm. Tutte le fibre sono raggruppate e schermate o con filati di vetro come funzione antiroditore e scarico trazione, o con kevlar per il solo scarico trazione. Copertura con guaina LSZH. Questo tipo di cavo risulta essere più flessibile rispetto al tipo Loose, ma in mancanza di una protezione contro l'umidità, se ne consiglia l'utilizzo in interni.

Cavi di tipo Loose

 

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Il cavo Loose è caratterizzato da un tubetto centrale, nel quale le fibre alloggiano immerse in un gel protettivo. Il gel protegge le fibre dall'umidità, il tubetto protegge le fibre da forze meccaniche queli schiacciamenti e torsioni. In questa costruzione le fibre sono coperte dal solo rivestimento promario di 250µm, riducendo notevolmente le dimensioni del cavo. La schermatura di filati di vetro ha la funzione di antiroditore e scarico della trazione.

Cavi di tipo Minibreakout

 

Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Cavo composto da cavi simplex di diametro 1,6mm, copertura generale con kevlar per scarico trazione. Possibilità di intestazione anche con connettori LC. Data la composizione con fibre complete di kevlar e guaina propria, la tendenza è di non superare le 8 fibre per non aggravare la dimensione e la flessibilità del cavo.
Con un cavo di 4 fibre, il diametro totale è di 6mm, così piccolo e flessibile è ideale per applicazioni di service, dove si richiede un cavo robusto e composto da poche fibre, come l'estensione di segnali DVI.


Cavi Fibra Ottica Serie OPTICAL CABLE

Come sono fatte:

Le fibre ottiche sono classificate come guide d'onda dielettriche (ovvero isolanti). Esse, in altre parole, permettono di convogliare al loro interno un campo elettromagnetico di frequenza sufficientemente alta (in genere in prossimità dell'infrarosso) con perdite estremamente limitate. Vengono comunemente impiegate nelle telecomunicazioni su grandi distanze e nella fornitura di accessi di rete a larga banda (dai 10 MBit/s al Tbit/s usando le più raffinate tecnologie WDM).

Il costo varia dai 4000 euro/km di fibra nei piccoli centri (con cavi di spessore molto più contenuto) ai 10000 euro/km di fibra nelle città, cui sono da aggiungere i costi dello scavo per l'interramento e le licenze comunali per aprire i cantieri (dove richieste anche se per opere di pubblica utilità).

Le fibre ottiche sono composte da due strati concentrici di materiale vetroso estremamente puro: un nucleo cilindrico centrale, o core, ed un mantello o cladding attorno ad esso. I due strati sono realizzati con materiali con indice di rifrazione leggermente diverso; il cladding deve avere un indice di rifrazione minore rispetto al core. Come ulteriore caratteristica il mantello deve avere uno spessore maggiore della lunghezza di smorzamento dell'onda evanescente, caratteristica della luce trasmessa.

Se le condizioni vengono rispettate gran parte della potenza è mantenuta all'interno del core.

Diversi tipi di fibre si distinguono per diametro del core, indici di rifrazione, caratteristiche del materiale, profilo di transizione dell'indice di rifrazione, drogaggio (aggiunta di piccole quantità di altri materiali per modificare le caratteristiche ottiche).

 

Funzionamento:

Le fibre ottiche si basano sul fenomeno di riflessione totale; la discontinuità dell'indice di rifrazione tra i materiali del nucleo e del mantello intrappola la radiazione luminosa finché questa mantiene un angolo abbastanza radente, in pratica finché la fibra non compie curve troppo brusche.

In figura è rappresentato come due raggi luminosi, cioè due treni di radiazione elettromagnetica, incidono sull'interfaccia tra nucleo e mantello all'interno della fibra ottica. Il fascio a incide con un angolo θa superiore all'angolo critico di riflessione totale e rimane intrappolato nel nucleo; il fascio b incide con un angolo θb inferiore all'angolo critico e viene rifratto nel mantello e quindi perso. È importante ricordare che in ottica si indica l'angolo tra la radiazione e la normale alla superficie, cioè 90°-α dove α è l'angolo, più intuitivo ma più scomodo da utilizzare, tra la radiazione e la superficie.

All'interno di una fibra ottica il segnale può propagarsi secondo uno o più modi di propagazione. Le fibre monomodali consentono la propagazione di luce secondo un solo modo hanno un diametro del core compreso tra 8 µm e 10 µm, quelle multimodali consentono la propagazione di più modi, e hanno un diametro del core di 50 µm o 62.5 µm. Il cladding ha tipicamente un diametro di 125 µm.

Le fibre multimodali permettono l'uso di dispositivi più economici, ma subiscono il fenomeno della dispersione intermodale, per cui i diversi modi si propagano a velocità leggermente diverse, e questo limita la distanza massima a cui il segnale può essere ricevuto correttamente.

 

Uso nelle telecomunicazioni:

Se negli anni '70 le fibre ottiche erano usate come oggetto decorativo per la produzione di lampade, oggi sono un componente essenziale nell'industria delle telecomunicazioni, ancora in corso di evoluzione tecnologica.

I principali vantaggi delle fibre rispetto ai cavi in rame nelle telecomunicazioni sono:

bullet bassa attenuazione, che rende possibile la trasmissione su lunga distanza senza ripetitori
bullet grande capacità di trasporto di informazioni
bullet immunità da interferenze elettromagnetiche, inclusi gli impulsi elettromagnetici nucleari (ma possono essere danneggiate da radiazioni alfa e beta)
bullet alta resistenza elettrica, quindi è possibile usare fibre vicino ad equipaggiamenti ad alto potenziale, o tra siti a potenziale diverso
bullet peso e ingombro modesto
bullet bassa potenza contenuta nei segnali
bullet assenza di diafonia

Finestre di trasmissione

Nelle comunicazioni ottiche, lo spettro trasmissivo è descritto in termini di lunghezza d'onda invece che di frequenza. Combinando i diversi fenomeni di attenuazione, rifrazione, dispersione, vi sono tre "finestre" particolarmente adatte all'uso nelle telecomunicazioni, con prestazioni e costi crescenti.

bullet "prima finestra": 850 nm (nel campo del visibile), usata soprattutto con economici laser a diodo con luce multimodale. Permette di realizzare collegamenti di 275 m su fibre 62.5/125 e di 550 m su fibre 50/125.

bullet "seconda finestra": 1310 nm, usata con laser multimodali o monomodali. Permette di realizzare collegamenti di 5-10 km su fibre monomodali.

bullet "terza finestra": 1550 nm, usata con laser monomodali. Questa finestra permette di realizzare le distanze maggiori, compresi collegamenti di 100 km con apparati relativamente economici.

Una buona fibra monomodale ha una attenuazione dell'ordine degli 0.2-0.25 dB/km.

Giunzioni e connettorizzazioni

Due tratti di fibra ottica dello stesso tipo possono essere giuntati mediante fusione, ottenendo un ottimo accoppiamento del core. Questa operazione è effettuata in modo semiautomatico mediante apparecchiature come i FOSP che allineano automaticamente i core e controllano la fusione. Una giunzione ben eseguita comporta una attenuazione di circa 0,1 dB.

Nell'uso pratico, un collegamento bidirezionale (ad esempio IEEE 802.3) viene realizzato utilizzando una coppia di fibre, una per ciascuna direzione. Le fibre ottiche sono collegate agli apparati di telecomunicazione mediante connettori che allineano meccanicamente il core della fibra con il laser e con il ricevitore. Un connettore comporta una attenuazione di circa 0,5 dB, ed è molto sensibile alla polvere, per cui connettori e cavi inutilizzati vengono normalmente coperti per evitare infiltrazioni. Esistono diversi tipi di connettori, ad esempio SC, LC (in plastica, quadrati) e ST (in metallo, tondi, con innesto a baionetta).

I cavi in fibra vengono normalmente installati all'interno di impianti di cablaggio strutturato, attestandoli su pannelli di permutazione. Un collegamento comporta quindi l'uso di almeno due cavi di permuta (da ciascun apparato connesso al pannello di permutazione), e quindi di 4 connettori.

Bilancio di potenza (power budget)

Per i collegamenti di lunga distanza, i trasduttori sono specificati in termini di potenza del trasmettitore e sensibilità del ricevitore. La differenza tra le due costituisce il power budget, ovvero la massima potenza che può essere dissipata dal collegamento.

Per valutare se una certa tecnologia trasmissiva funzionerà su un certo collegamento, è necessario misurare o stimare la perdita complessiva del collegamento, o link loss. Questo deve essere inferiore al power budget. Normalmente si lascia un margine di 3-6 dB, per garantirsi contro peggioramenti del collegamento (dovuti a invecchiamento o a interventi di manutenzione) o degli apparati trasmissivi (dovuti tra l'altro a sporcizia). Questa valutazione deve essere effettuata alla lunghezza d'onda utilizzata dagli apparati prescelti.

Se il collegamento è già realizzato, è possibile misurare la sua attenuazione. L'esame tipicamente utilizzato è chiamato OTDR, (Optical Time Domain Reflectometry, in italiano riflettometria ottica nel dominio del tempo).

Se il collegamento deve essere ancora realizzato, la sua attenuazione è stimabile usando i valori di targa delle fibre e valori prudenziali per giunzioni e connettori.

Ad esempio, il link loss di un collegamento di 20km, con fibra da 0.24 dB/km, 6 giunzioni lungo il collegamento, connettori solo alle estremità è stimabile in:

20 km * 0.24 dB/km + 6 * 0.1 dB + 4 * 0.5 dB = 4.8 dB + 0.6 dB + 2 dB = 7.6 dB

aggiungendo 4 dB di margine di sicurezza, gli apparati dovranno avere un power budget minimo di 11.6 dB.

Prestazioni

Gli apparati commercialmente disponibili arrivano a velocità di trasmissione di 40 Gbit/s. Utilizzando tecnologie WDM è possibile trasmettere su una singola coppia di fibre fino ad alcune centinaia di migliaia di canali separati in frequenza, arrivando a capacità massime dell'ordine del Tbit/s.

Questo articolo è tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera